Il Piccolo Diavolo (Film Completo)

Padre Maurizio viene chiamato a compiere un esorcismo. Riesce a liberare così una donna dall'essere che la stava possedendo, ma questo prende vita con un corpo autonomo. Questo diavolo, che afferma di chiamarsi Giuditta, pare essere scappato dall'aldilà per scoprire il mondo. Egli ricorda un po' un bambino: è curioso e non ha idea di come funzioni la società dei viventi. Scopre subito una passione per la zuppa inglese. Non è cattivo, semmai un po' narcisista. Giuditta stravolge completamente la vita del povero Maurizio, seguendolo sempre dovunque in maniera stressante e petulante nonostante lui cerchi in tutti i modi di allontanarlo e di evitarlo senza però mai riuscirci, ritrovandosi perciò costretto a dover arginare le sue stravaganze. Una mattina, a causa di un forte mal di testa dovuto ad una gran bevuta della sera prima insieme a Giuditta, Maurizio viene rimpiazzato dal diavoletto per la celebrazione della Messa che trasforma in una simpatica sfilata di moda - famosa la battuta "modello n. 4, Giuditta" -, prendendo spunto da una che aveva visto la sera prima durante un forte vento. Maurizio, una volta accorso in chiesa febbricitante, viene avvisato dagli altri padri su ciò che sta facendo Giuditta. Sviene provocando involontariamente anche l'allontanamento di una sua amica intima (praticamente fidanzata), Patrizia, la quale crede che lui abbia disperatamente perso la testa per lei e si sia ridotto in quello stato per causa sua.

Nel pomeriggio, Giuditta nota una scia di impronte di vernice fresca bianca utilizzata dagli operai per ritinteggiare delle strisce pedonali. Segue incuriosito le tracce che lo conducono ad una stazione ferroviaria, dove sale su un treno in partenza. Dopo un bizzarro viaggio al quale partecipa anche Patrizia - in fuga da Padre Maurizio al quale ha scritto un lettera di addio -, Giuditta approda casualmente alla Stazione di Taormina dove fa conoscenza con una donna, Nina - in realtà già apparsagli la sera precedente -, e ne rimane stregato, specie dopo aver scoperto che sotto alla gonna ha qualcosa di misterioso, diverso da quello che vede su se stesso. Si scoprirà poi che questa donna è in realtà una "diavolessa" mandata dall'aldilà per riportarlo a casa, che però agisce in incognito, comportandosi come una comune turista in vacanza e attirando Giuditta con i metodi più innocui. Erano inoltre sue le impronte di vernice che Giuditta aveva seguito.
Nella sua impresa Nina viene aiutata dal Prof. Cusatelli, anch'egli diavolo in incognito il quale, approfittando della sua ingenuità cerca di avvicinare Giuditta a Nina partendo dalle cose più banali come andare a passeggiare insieme fino ad arrivare a suggerigli - durante una bizzarra partita al casinò nella quale Giuditta si è giocato ignaro un sacco di soldi - di passare la notte a letto con lei. Grazie a questa tattica Nina riesce così ad entrare nel suo corpo per poterlo controllare. Il film si chiude con Giuditta che la mattina dopo saluta Maurizio, giunto a Taormina per rincorrere la sua amata Patrizia; dopodiché si allontana, canticchiando con una "doppia voce".


The Little Devil (original Italian name Il piccolo diavolo) is a 1988 Italian film directed by and starring Roberto Benigni, also starring Walter MatthauStefania SandrelliNicoletta Braschi and John Lurie. In some European countries and in Australia, an English version of the film, with local subtitles, has been screened and circulated in VHS. In the English version, the voices of the main actors are dubbed by themselves; some scenes may have been filmed in both languages.